Xavier Monsalvatje

Xavier Monsalvatje, artista fuori dagli schemi. Curioso, trasgressore, osservatore, filosofo, poeta a colori.

Nato a Godella nel 1965, si è diplomato in ceramica artistica presso la Scuola di Arti Applicate di Valencia nel 1988; dal 1992 il suo lavoro si è diviso tra scultura in ceramica, pittura e installazione, con una forte propensione allo studio del processo di industrializzazione, in particolare nell’architettura contemporanea e il suo impatto unico sul paesaggio.

Xavier Monsalvatje infatti, è prima di tutto figlio dell’era post industriale ed analizza elementi estetici del progresso industriale che hanno portato ad una società tecnocratica, in cui i cittadini sopravvivono in questo paesaggio disumano.

Secondo l’artista le città generano su l’uomo rapporti conflittuali, isolandolo progressivamente. Attraverso la sua straordinaria narrativa, fantasiosa e quasi inavvicinabile, la ceramica trova un’espressione plastica molto vicina a quella dei sogni, ma l’onirico non impedisce di trovare chiavi, a mezzo di denunce, più o meno drammatiche.

Principali mostre personali recenti:

  • 2014 – We are lost in Montblanc, hall San Feliu, Monblanc, Tarragona
  • 2014 – 11 Years of Permanent Danger, Ceramic National Museum González Martí, Valencia
  • 2014 – Permanent Danger, Faculty of Fine Arts, University of Castilla la Mancha, Cuenca

Principali mostre collettive recenti:

  • 2014 – Interchange (NCECA) Gallery University of Wisconsin, Milwaukee
  • 2014 – Arte in Movimento, San Giorgio, Gravina in Puglia
  • 2014 – 4th International Golcuk Ceramic Symposium, Degirmendere Art Gallery, Golcuk

OPERE